Budino di Yogurt con gelée di fragole

Budino light - SerenaCucina

L’estate sta arrivando (almeno in teoria) ed io la celebro con un dolcetto super light… anche perchè se sta arrivando l’estate, sta arrivando anche la prova costume! 😱

Vi propongo allora questo dessert yogurt e fragola buonissimo e super leggero adatto a tutti, ma proprio a tutti perchè senza zucchero e per chi vuole anche senza lattosio!!

Ingredienti

Gelée di fragole

  • 200 g di fragole
  • 40 g di stevia (o 50gr zucchero)
  • succo di mezzo limone
  • 2 fogli di colla di pesce

Strato di yogurt

  • 3 vasetti di yogurt bianco magro (io ho usato quello senza lattosio)
  • 30 g di stevia
  • 100 di fragole
  • 2 fogli di colla di pesce
  • mezzo vasetto di acqua

Per il gelée
La prima cosa che faccio per iniziare la preparazione di questo dolce è mettere in ammollo i fogli di colla di pesce in una ciotola con acqua fredda.

Passo quindi a prepare le fragole, le lavo, rimuovo la parte superiore con le foglioline e le taglio a pezzetti, le metto nel bicchiere del mixer, aggiungo la stevia ed il succo di limone e frullo il tutto.
Volendo si potrebbe filtrare lo sciroppo eliminando i semini ed eventuali parti solide, io li ho lasciati.

A questo punto verso l’emulsione in una padella, faccio scaldare leggermente ed aggiungo la colla di pesce ammollata e strizzata. Mescolo accuratamente fino a quando la colla si è sciolta completamente. Spengo il fornello e verso lo sciroppo ottenuto nello stampo per budini.

Lascio intiepidire un po’, copro lo stampo con della pellicola trasparente e lo ripongo in frigorifero a solidificare. Tra qualche ora la Gelée sarà pronta!

Passo ora allo strato con lo yogurt.

Dopo un po’ di tempo, diciamo almeno un’ora, controllo se la base di gelée sia o meno solidificata, se si, procedo con la preparazione del secondo strato. La mia è pronta!

Metto subito ad ammollare i 2 fogli di colla di pesce in acqua fredda. Passo a lavare e mondare le fragole e ne frullo 3/4 con la stevia. Le fragole rimanenti le taglio a pezzettini e le inserisco in una ciotola dove aggiungo anche lo yogurt e le fragole frullate, mescolo bene il tutto

In un pentolino scaldo il mezzo vasetto di acqua ci aggiungo la colla di pesce bagnata e la faccio sciogliere. Unisco l’emulsione allo yogurt e mescolo bene.

Prendo lo stampo con il gelée dal frigo ed aggiungo, a questo, anche lo strato con la crema di yogurt appena preparata, ricopro con la pellicola e rimetto in frigo a solidificare.

Una volta solidificatosi bene anche il secondo strato, rimane solo staccare il dolce dallo stampo. Per aiutarmi in questo arduo compito, ho riscaldato leggermente lo stampo, immergendolo per qualche secondo in acqua calda, l’ho quindi rovesciato sul piatto di portata e TADAAAAN il Dessert pronto!

Budino Fragole e yogurt - SerenaCucina




Biscottini light di avena e banana

Ecco una ricetta che di più facili e veloci non ce n’è: I biscotti di fiocchi d’avena e banana 🙂

Ottima alternativa per una colazione gustosa e salutare e soprattutto che ci/vi farà fare un figurone già solo al raccontarla… 😉



Ingredienti per circa 20 biscotti:

100 gr. di fiocchi d’avena
2 banane 
Uvetta, o frutta secca (albicocche, fichi, datteri, mirtilli… ecc ecc), o gocce di cioccolato

Procedimento:

Sbuccio e schiaccio le banane in una ciotola, aggiungo i fiocchi d’avena ed amalgamo bene, per ultima l’uvetta… ottenendo un composto “molliccio”. Modello delle palline e dei tronchetti con le mani o (se voi preferite aiutatevi con un cucchiaio… a me piace pasticciare) e le dispongo su una leccarda rivestita con la carta da forno.

Inforno a 180 gradi, a forno già caldo, per circa 20  minuti circa, finchè non risultino asciutti e dorati in superficie.

Sforno e cerco di farli raffreddare, anche se è dura… non si direbbe, visto che sono una “roba light” (come dice lui) ma piacciono anche a mio marito e quindi spesso finiscono che sono ancora tiepidi… vi assicuro però che il mattino dopo sono ancora più buoni!
Se volete e riusciti a conservarli riponeteli in un barattolo di ceramica o di latta… 🙂




Apple pie a modo mio

Eccomi, vi avevo già detto che i dolci con le mele sono i miei preferiti?

E comunque ve lo ridico: I DOLCI CON LE MELE SONO I MIEI PREFERITI! 😉

Questo però è un esperimento, o  meglio una rivisitazione più light della buonissima torta di mele d’oltre oceano. La conoscete? E’ quella torta che spesso si tirano Tom & Jerry e cavallo di battaglia di Nonna Papera. Io però, come dicevo, ho cercato di farne una versione più light alleggerendo l’impasto: via il  burro, speriamo che Nonna Papera non se prenda troppo a male 😀

Ma bando alle ciance, vi racconto la ricetta… 

 

 

Ingredienti:
  • Per la pasta
    • 450 gr di farina
    • 150 gr acqua fredda 
    • 50 gr di succo di mele
    • 100 gr di olio di semi
    • 1 pizzico di sale
    • latte per spennellare
  • Per il ripieno
    • 1 kg di mele già pulite
    • 1 limone
    • 80 gr di zucchero
    • Cannella in polvere qb
    •  Acqua 2 cucchiai o succo di mele
Procedimento

Parto preparando l’impasto, faccio la fontana con la farina e aggiungo i vari ingredienti, amalgamo bene e ripongo l’impasto a riposare in frigo dentro ad un sacchetto da freezer.

(Per chi volesse fare la versione non light, gli ingredienti sono simili ma diventano: 200 gr di burro  freddo di frigorifero, e l’acqua diventa 70 gr. il resto uguale)

Passo quindi a mondare e tagliare le mele a pezzetti, li ripongo in una ciotola ed aggiungo il succo del limone per evitare che si anneriscano.

 In una padella antiaderente metto a scaldare zucchero e cannella ed aggiungo anche i 2 cucchiai di acqua, faccio sciogliere bene aspettando che caramellizzi un po’,  a piacimento in questa fase si potrebbe aggiungere una noce di burro, io evito ed aggiungo direttamente le mele tagliate insieme ancora a un cucchiaio di succo di mele, faccio andare qualche minuto fino a che le mele si saranno ammorbidite.

Rivesto una teglia con la carta da forno, prendo l’impasto e stendo 2 sfoglie dallo spessore di circa 5 mm. Adagio una delle 2 sfoglie nella teglia  ed all’interno inserisco le mele creando una sorta di montagnella al centro. Richiudo con la seconda sfoglia. 

Serro i margini con le dita e faccio dei tagli sulla parte superiore, spennello con il latte e do’ una spolverata di zucchero sulla superficie.

A forno statico già caldo faccio cuocere a 200° per 20 minuti, rispennello con altro latte e inserisco di nuovo in forno per 20 minuti 180° , tiro fuori per la terza volta spennello ancora e finisco la cottura a 170° per gli ultimi 20 minuti. 

 

 

 

ngg_shortcode_0_placeholder” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]




Ciambelline al vino

ciambelle al vino SerenaCucina  Oggi vi parlo delle buonissime cimabelline al vino. Sono dei biscottini fragranti a forma di ciambelle, da una ricetta tradizionale del centro Italia. Sono davvero buone, se le inzuppiamo poi in un buon bicchiere di vino rosso sono anche meglio!

E’ il dolce tipico che ti offrono a fine pasto in tutte le trattorie romane, un po’ come in Toscana ti offrono il Vinsanto con i cantucci, immancabili e perfette per concludere un lauto pranzo capitolino!

Vi racconto la ricetta,  tra l’altro oltre ad essere molto buone sono anche molto facili da fare!

 

 

ingredienti:
  • 1 tazza di vino rosso o bianco
  • 1 tazza di olio (io faccio meta Evo e metà semi)
  • 1 tazza di zucchero
  • 3 tazze (circa)di farina, poi dipende dall’umidità della vostra farina
  • semi di finocchio o anice
 
Procedimento:
ciambelle la vino SerenaCucinaInizio unendo la tazza di vino rosso con lo zucchero semolato e l’olio e mescolo per bene.
 
ciambelle al vino rosso Serena CucinaAggiungo poi la farina e i semi di finocchio, amalgamo bene il tutto fino ad ottenere un composto compatto e modellabile. Accendo il forno a 180° ventilato.
 
Con l’impasto faccio del salsicciotti e li chiudo a ciambella che passo nello zucchero, le dispongo quindi in una leccarda ricoperta di carta da forno e le metto a cuocere per circa circa 15 minuti, o comunque quando iniziano a colorirsi.
ciambelle al vino rosso Serena Cucina
 
Volendo oltre allo zucchero sulle ciambelline possiamo anche aggiungere delle mandorle spellate e spezzettate, io però le prefersico senza.. de gustibus 🙂
 

Pronte e velocissime… il vero problema è che sono una tira l’altra… se poi ci degusto insieme ad un buon bicchiere di vino è la fine!!! ;D

 
 
 
 
 
 
 
Trucchetto: mi ero dimenticata di passare le ciambelline nello zucchero prima della cottura, allora appena tirate fuori dal forno, quindi ancora calde, le ho spennellate con uno sciroppo denso che avevo appena fatto con zucchero, vino ed acqua. Appena inumidite con lo sciroppo le ho passate nello zucchero… 😀
 

 




Ciambella alla curcuma

SerenaCucina - Ciambella alla curcumaAnche questa settimana è passata! La mia è stata abbastanza dura, marito, lavoro e via dicendo…

Finalmente siamo a sabato però, e anche se fuori diluvia, anzi in questo preciso istante grandina ed il mio gatto miagola terrorizzato dei tuoni, che il week end abbia inizio, e allora coccoliamoci un po’!

Io lo faccio con uno dei miei soliti esperimenti. Come bene avrete capito, sto in fissa con la curcuma, sono nella mia “fase gialla”, la infilo praticamente ovunque, posso mai non buttarla dentro un ciambellone?! Posso mai lasciarmi sfuggire una tale occasione?! No e quindi ecco il nuovo esperimento, IL CIAMBELLONE GIALLO!

Che poi questo colore mi fa pensare molto alla primavera e dato il grigiore esterno ho proprio voglia di colore, e se coccole devono essere allora facciamole per bene… mentre il ciambellone cuoce (dopo vi racconto anche la ricetta) mi butto nello shopping sfrenato dedicato alla primavera!

Tappa fissa Dalani e prima di passare al concreto spulciando tutte le varie offerte, decido di dare un’occhiata al magazine anche per aggiornarmi sulle nuove tendenze, e infatti puntualissimo, trovo questo bellissimo articolo sullo “Spring style”

Dalani ci propone quattro stili per una mise en place di primavera fatta di sole, colore, allegria, rinnovamento ed energia. Che meraviglia!!!

Quattro linee molto diverse:

  • Rosa Quarzo e Serenity
  • Colour Splash
  • Black and White
  • Verzura

SerenaCucina per Dalaniquattro stili molto diversi, ma in cui ritrovo tutti i colori della primavera. La mia collezione preferita? mmmh forse Rosa Quarzo e Serenity colori delicati, stile elegante e romantico e poi Serenity si chiama come me… certo però anche Colour splash, decorazioni vintage fatte a mano, da grafica come posso sorvolare…  per non parlare di Verzura, una tavola imbandita o un rigoglioso orto? e Black and White? beh perfetta per occasioni più eleganti…

OK VOGLIO TUTTO, solo chi lo dice a mio marito?! ufff che vita difficile!!!!

Va beh mi consolo con una fetta del mio ciambellone…

ah… vi racconto anche la ricetta…

Ingredienti:
  • 250gr di farina
  • 200 gr di zucchero
  • 4 uova
  • 1 vasetto di yogurt
  • 1 tazzina di olio
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • buccia di limone grattugiata
  • 1 cucchiaino raso di curcuma
procedimento:

SerenaCucina - Ciambella alla curcumaPer prima cosa separo gli albumi dai tuorli, questi li sbatto in una terrina con lo zucchero, aggiungo olio, curcuma e yogurt continuando a mescolare. SerenaCucina - Ciambella alla curcumaPian piano incorporo anche la farina e la scorza del limone grattugiata.

In una seconda terrina monto a neve gli albumi e quando pronti li unisco al primo composto continuando a mescolare dal basso verso l’alto.
SerenaCucina - Ciambella alla curcumaAccendo il forno a 180° e faccio scaldare, imburro poi uno stampo per ciambelle.SerenaCucina - Ciambella alla curcuma

Per ultimo aggiungo il lievito, mescolo e trasferisco il composto nella teglia.

Inforno per circa 40 minuti a 180°.

 

Et voilà il ciambellone giallo è pronto!

 

 

 

 

 




Castagnole

SerenaCucina - CastagnoleCarnevale si avvicina e la mia seconda patria, il Lazio, mi ha fatto conoscere uno dei miei dolci preferiti, le Castagnole!

Ovviamente ne esistono mille di versioni e forse addirittura milioni di ricette a varianti, io vi racconto la mia infallibile! Si sono abbastanza modesta, lo so… 😉

Sono buone davvero e molto facili da preparare, o forse no… del resto a Carnevale ogni scherzo vale… :p

Vabbè ve le racconto, va…

Ingredienti:

  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • farina qb
  • 1 cucchiaio di anice o mistrà
  • 1 pizzico di sale
  • scorza di limone
  • semi di una bacca di vaniglia
  • 1 cucchiaio di olio
  • 1 pizzico di lievito chimico
  • olio per friggere
  • alchermes (opzionale)

Svolgimento:

Verso in una ciotola abbastanza capiente tutti i miei ingredienti (ovviamente tranne l’olio per friggere e l’alchermes) e li lavoro fino ad amalgamarli bene, trasferisco l’impasto su una spianatoia leggermente infarinata  e continuo ad impastate ed incorporare farina fino ad avere un bell’impasto liscio, morbido ma non appiccicoso e lavorabile con le mani. Metto a riposare qualche minuto.

Passo quindi alla formazione delle mie castagnole, procedo che se dovessi fare degli gnocchi, solo che invece che poi schiacciarli, con i pezzettini di pasta ottenuta farò delle palline con i palmi delle mani.

Trasformato tutto l’impasto in palline, metto a scaldare sul fuoco una padella con dell’olio, quando questo sarà ben caldo (vi svelo un trucchetto: per provare se l’olio è arrivato a temperatura, basterà immergervi il manico di una paletta di legno se questa inizierà a fare le bollicine, l’olio è a temperatura!) vi immergo poche alla volta le mie palline.

Le faccio friggere giusto il tempo che si gonfino ed imbiondiscano, saranno pronte quando verranno a galla. Le faccio asciugare dall’olio in eccesso su della carta assorbente.

Le servo o spolverate con dello zucchero semolato, oppure impregnate con alchermes e poi passate sempre nello zucchero.

VIVA VIVA IL CARNEVALE!




Cannarituli di Zia Marisa

serenacucina - cannarituliI cannarituli, sono dei dolcetti natalizi tipici di Maierà, il mio paese di origine, in provincia di Cosenza.

Questa è l’infallibile ricetta di mia zia Marisa… strepitosi, fragranti, aromatici, ma soprattutto moooolto pericolosi, si perchè non si riesce a smettere di mangiarli!!! 😀

Ve li racconto…

Ingredienti:
  • 1 bicchiere di olio
  • 2 bicchieri di vino bianco o spumante
  • 200 gr di zucchero
  • 1 limone, scorza
  • 1 bicchierino di sambuca
  • 650 gr circa di farina
  • miele
  • zuccherini colorati
Procedimento:

serenacucina - cannarituliIn una ciotola abbastanza capiente, verso l’olio, il vino e lo zucchero e amalgamo bene fino a farlo sciogliere, aggiungo anche la scorza grattugiata del limone e piano piano incorporo la farina, io ne ho usata circa 650 gr, ma zia dice di “aggiungerne finchè se ne prende e non assuma la consistenza della pasta degli gnocchi”.

serenacucina - cannarituliA questo punto passo l’impasto su di un tagliere e lavoro bene, una volta ottenuto un bell’impasto compatto e liscio inizio a fare dei rotolini che poi taglio a pezzetti come veri gnocchi, così per tutto l’impasto.

serenacucina - cannarituliMetto intanto a scaldare dell’olio in padella, a temperatura, vi tuffo la scorza di un limone, questo trucchetto oltre a non far sentire troppo l’odore del fritto, donerà al dolcetto un buon retrogusto di limone, toglierò la scorza quando sarà ambrata e prima che bruci. Tuffo nell’olio anche i miei gnocchetti che cuoceranno per pochi minuti, anche questi appena imbruniti li alzo e li adagio su un piatto con della carta assorbente, per eliminare l’olio in eccesso.serenacucina - cannarituli

Fritti tutti i miei cannarituli rimane solo da condire e guarnire. Verso i dolcetti cotti e asciutti in una padella e aggiungo il miele, faccio scaldare un po’ e mescolo continuamente, in modo che il miele caldo e sciolto si amalgami bene e penetri anche leggermente nel biscottino.

Una volta ben amalgamati al miele aggiungo per dare un po’ di colore degli zuccherini colorati e dispongo su di un vassoio.

serenacucina - cannarituliIo ne ho fatte 2 versioni, una condita come vi ho raccontato con il miele di api, meglio se di castagno ed una seconda versione con della melassa, o miele di fico, tipico sempre delle miei parti, proprio come vuole la ricetta originale.

Buonissimi!!!

 

 

serenacucina - cannarituli




Rose di sfoglia con mela e cannella e pera e cioccolato

SerenaCucina - Rose di sfoglia con mela e cannellaDolcetto veloce e carino… ho visto girare su internet milioni di volte queste roselline e non posso non provarle!

Che poi i dolci con le mele sono anche i miei preferiti! Sbirciando qua e la le varie ricette, ho provato una classica mela e cannella e poi però, con pere e cioccolato ho azzardato uno dei miei soliti esperimenti e devo dire che sono venute entrambe molto buone.

Si, Si… non male!

Ve le racconto…

Ingredienti:

Per le rose con le mele:

  • 2 rotoli di Pasta sfoglia
  • 2 Mele
  • Zucchero a velo q.b.
  • Zucchero di canna 100gr
  • Cannella
  • Acqua 600 ml
  • Limoni 1
  • Uova 1 per spennellare

 
 Per le rose con pere e cioccolato:

  • 2 rotoli di Pasta sfoglia
  • 2 Pere
  • Zucchero a velo q.b.
  • Gocce di cioccolato
  • Cacao in polvere
  • Uova 1 per spennellare
Procedimento:
SerenaCucina - Rose di sfoglia con mele e cannellaLa prima cosa da fare è pulire la frutta, quindi mi armo di coltello e buona volontà e dopo aver ben lavato mele e pere, levo il torsolo e le taglio a fettine molto fini.
Metto le fettine di mela in una ciotola con acqua e limone e faccio cuocere al microonde per 3 minuti, in modo che le fettine si ammorbidiscano.SerenaCucina - Rose di sfoglia con mele e cannella
Faccio lo stesso con le pere ma senza limone. Scolo bene le fettine e le metto da parte.
 
SSerenaCucina - Rose di sfoglia con mela e cannellaecondo passaggio prendo la pasta sfoglia, la stendo e la taglio a striscioline larghe circa 5 cm.
Ora inizio a montare le rose: per quelle con le mele stendo al centro della striscia zucchero di canna e cannella e poi partendo dal centro della striscia inizio a posizionare le fettine lasciando metà fettina fuori e comunque SerenaCucina - Rose di sfoglia con pere e cioccolatolasciando sulla base abbastanza pasta da poter piegare sulle mele, chiudo ed inizio ad arrotolare la striscia su stessa.
Ripongo la rosellina in un pirottino e poi su una teglia da forno.
 
SerenaCucina - Rose di sfoglia con pere e cioccolatoPer le rose con pera e cioccolato il procedimento è lo stesso, solo che nel centro della pasta, alla base della frutta invece di mettere zucchero e cannella stendo le gocce di cioccolato, procedo poi con le pere e arrotolo, pirottino e poi sulla teglia.
 
SerenaCucina - Rose di sfoglia con pere e cioccolato e mele e cannellaProcedo così fino a terminare gli ingredienti.
Rimane solo da cuocere, infilo la teglia in forno preriscaldato a 180° per 45-50 min.
Servo spolverando le roselline con dello zucchero a velo e su quelle con le pere anche un po’ di cacao.
 
Carine, semplici e veloci ma soprattutto Buonissime!!
 
 
 




Faccia da Halloween

SerenaCucina - Faccia da HalloweenOk, ho un invito per una festa di Halloween… e ora cosa mi invento?

Ci sono, una mega faccia a metà tra una maschera e una zucca si Halloween, già ma come la realizzo?

Mi guardo in giro in cucina ed ecco la soluzione: il riso soffiato delle colazioni di mio marito… domani mattina nel latte inzupperà una fetta biscottata! 😉

D’altronde dolcetto per noi… scherzetto per lui !! hihi

Vi racconto lo scherzetto… ehm la ricetta 😀

Ingredienti:
  • 50 gr di riso soffiato bianco
  • 300 gr di cioccolato bianco
  • coloranti per dolci, arancione, verde, nero
Procedimento:

SerenaCucina - Faccia da HalloweenMetto subito a sciogliere a bagno maria 2 delle 3 barrette di cioccolato bianco spezzettato. Quando il cioccolato si sarà sciolto, lo tolgo dal calore ed aggiungo l’ultima barretta sempre a pezzetti. Continuo a mescolare finchè non sia tutto sciolto ed omogeneo.

SerenaCucina - Faccia da HalloweenSeparo il cioccolato sciolto in 3 parti, 2 con meno cioccolato della terza che sarà quella arancione della zucca. Verso i coloranti nelle 3 ciotole, dovrò avere una ciotola arancione, una verde ed una nera.

SerenaCucina - Faccia da HalloweenNelle tre ciotole con il cioccolato colorato verso il riso soffiato, più o meno 30 gr in quello arancione, 10g nero e 10 gr verde. Amalgamo bene il riso al cioccolato in modo che tutti i chicchi siano ben colorati.

SerenaCucina - Faccia da HalloweenPronto tutto rimane solo da assemblare la faccia, dispongo allora il cioccolato arancione in uno stampo rotondo e lo livello per bene, sopra con il verde disegno i capelli/foglie e poi con il nero faccio occhi e bocca.

Finito che ne dite è abbastanza Halloween?

 

 

SerenaCucina - Faccia da HalloweenSerenaCucina - Faccia da HalloweenSerenaCucina - Faccia da HalloweenSerenaCucina - Faccia da Halloween




Tarantole di Halloween

SerenaCucina - Tarantole di Halloween Che paura paaaaaura queste tarantole!!!

A me in realtà sembrano solo golosissime!!!

Oggi vi racconto la ricetta dei tartufi di cioccolato pronti e mascherati per una festa di Halloween.

Idea carina e veloce per un “dolcetto o scherzetto”

Ecco la ricetta…

 

Ingredienti:
  • 200 g di biscotti secchi
  • 50 g di cacao amaro
  • 2 cucchiai circa di marmellata
  • 1 cucchiai0 di liquore
  • codette di cioccolato
  • Rotelle di liquirizia
  • Palline di zucchero
Procedimento:

SerenaCucina - Tarantole di HalloweenIl primo passaggio è polverizzare i biscotti, io uso i biscotti da latte tipo gli oro saiwa, ma vanno bene tutti.

In realtà questa è un’ottima ricetta di riciclo, infatti se avete torte, ciambelle, pan di spagna o addirittura panettone e pandoro avanzati potete sostituirli ai biscotti, magari se Halloween è lontana facciamo dei semplici tartufini e non dei paurosi ragnetti 🙂
SerenaCucina - Tarantole di HalloweenTornando alla ricetta, inserisco nel bicchiere del robot da cucina i biscotti e faccio andare fino ad ottenere una polvere omogenea, aggiungo il cacao e con il robot ancora acceso, inserisco anche la marmellata, io di solito di albicocche, ma a gusto vostro o volendo si potrebbe usare anche della Nutella.

Aggiungo ora un cucchiaio di liquore, di solito Bayles o Cointreau all’arancia, ma se ci sono dei bambini che mangeranno i dolcetti evito.

Dovrà risultare un impasto compatto e facile da modellare, se fosse troppo duro aggiungo ancora marmellata oppure un cucchiaio di latte.

SerenaCucina - Tarantole di Halloween

Per realizzare le zampette delle mie tarantole srotolo qualche rotellina di liquirizia, separo in 2 i fili e li taglio a pezzettini di circa 4-5 cm.

Bene l’impasto è pronto, le zampe anche, rimane solo da modellare i ragnetti. Faccio delle palline e le rotolo nelle codette di cioccolato, le schiaccio leggermente, aggiungo 2 palline di zucchero per fare gli occhi e sui lati del ragno inserisco le zampette.

Lascio a riposare in frigo qualche ora, ma servo non troppo fredde.

Le tarantole sono pronte… Super paura!!! 🙂
ragni9SerenaCucina - Tarantole di HalloweenSerenaCucina - Tarantole di HalloweenSerenaCucina - Tarantole di Halloween